Job bulletin

JOGGING IN THE CITY: a running work

, ,

13 settembre 2016

La guida si ferma sotto l’ennesimo monumento, comincia a racontare una storia iniziata nel 67 D.C che non finirà mai, avete ancora tre quarti di città da vedere e i vostri genitori si fermano davanti a ogni botteghino d’artigianato: la classica “vacanza coi tuoi”.

Vorreste solo correre via

esplorare per conto vostro, con un tempo medio che non sia di 5 ore per statua possibilmente. Beh, qualcuno si è inventato un lavoro per risolvere il problema. Niente cartine, niente zaini ingombranti: solo scarpe da jogging e tanta voglia di scoprire il mondo di corsa.

Stiamo parlando del city jogging,

un tour della città fatto correndo. La novità spopola nelle capitali europee e in America, ma nasce a Roma grazie a Carolina Gasparetto, una “trainer” che ha avuto la geniale idea di inventarsi qualcosa per gli stranieri che vedeva correre per le vie del centro storico. 15 percorsi, itinerari personalizzati su richiesta e tutor specializzati che si spostano con i turisti e fanno da guida, illustrando le meraviglie della città. Vedere tutto in un ora? Possibile.

Scegliere quanti chilometri fare? Anche.

E cosa vedere?

La personalizzazione del percorso è compresa. Sul sito www.sightjogging.it ci sono tutti i tragitti con relativi km e tempistiche. Ogni città ha il suo sito e i suoi itinerari; Parigi, Milano, Venezia, Los Angeles, Berlino, Chopenhagen, Londra, Madrid, Sydney e New York: vanno tutti di corsa. Che si chiamino “Running Tours”, “Scenic fitness” o “run with people” il principio è sempre lo stesso e va alla grande.

Ma é geniale! Quanto costa?

Ci si aggira intorno ai 60/70 euro per persona per i percorsi più lunghi, che vanno dai 7 ai 9 km circa. Non serve essere maratoneti, ci sono anche percorsi più brevi, di 2/5 km per esempio. I giri più semplici costano circa 20 euro a persona. Il prezzo varia per i gruppi, siamo sui 30 euro. Se avete paura di morire a metà strada non vi preoccupate: potrete fermarvi per un secondo con la scusa di fare una foto, con la disapprovazione di tutto il gruppo che vi vedrà come ‘i soliti turisti’. Meglio entrare subito nell’ottica: guarda e corri. Solitamente chi lavora in questo campo è abituato ad avere frasi motivazionali di riserva per chi sta per mollare, quindi non preoccupatevi. Se vi perdete almeno lo farete in un sito archeologico.

Sicuri che la gente abbia voglia?

Il fitness sta diventando un’esigenza sempre più diffusa e le vacanze non sono esattamente famose per il mantenimento della linea. Quale modo migliore per coniugare palestra, storia e cultura? Per chi non vuole rinunciare all’esercizio ma vuole godersi la vacanza non poteva esserci soluzione migliore. Se siete quelli che i vostri amici definiscono “fissati per lo sport” e non volete rinunciare alle vostre abitudini, c’è chi vi capisce. Avete presente quei gruppi di 20 persone che vi sfrecciano accanto tutte insieme sul marciapiede? Quegli Umpa-lumpa con le tutine colorate che corrono e condividono il fiatone? Esattamente. Sono loro. I “running tour” di gruppo possono essere un’ottima occasione per conoscere gente nuova mantenendosi in forma, per socializzare con qualcuno che non siano i vostri genitori o il tipo giù alla reception.

Va bene ok capito il concetto, fa bene alla salute ecc, e poi ..?

Diciamo che se la vostra salute non è abbastanza e la vostra forma fisica vi interessa solo quando in autobus si sta stretti, possiamo concentrarci sugli aspetti culturali. Questi jogging- tour, infatti, vi permettono anche di scoprire posti e vie nascoste, che normalmente non si percorrono. Se volete esplorare angoli segreti potete concordare un percorso che faccia per voi o affidarvi alla runner-guida. Correre richiede un minimo di spazio libero quindi, oltre alle tappe famose e “obbligatorie”, spesso gli itinerari comprendono percorsi autenticamente meno trafficati, come parchi e aree verdi. pedonali. Se oltre che animali sociali siete anche esseri notturni, sarete contenti di sapere che alcuni percorsi sono disponibili anche di notte!

E se volessi correre con mio nonno come la mettiamo?

Gli allenatori predispongono i tour in base all’età e alle condizioni fisiche di ogni partecipante. La sicurezza è garantita dall’uso di cardio-frequenzimetri che monitorano le persone durante tutta la corsa. Il trainer va prenotato con almeno 24 ore di anticipo, con questa gentilezza egli sarà felice di riaccompagnarvi direttamente in albergo alla fine del giro.

Ma se volessi farlo come lavoro, cosa devo sapere?

Il vostro numero di scarpe, trovare la strada senza google maps ed essere in grado di fare jogging e parlare contemporaneamente. Se siete degli istruttori che soffrono nel vedere i propri clienti zampettare sul tapis roulant in palestra, fateci un pensierino. Una laurea in storia non sarebbe male ma potete imparare a memoria le cose da dire e sperare che nessuno vi faccia domande. Fortunatamente la gente non parla mentre fa jogging, di solito. Comunicate con il vostro gruppo tramite microfono e auricolari, connessi alle cuffie di ognuno in modo che tutti possano sentirvi.Ecco un lavoro davvero smart, acculturarsi stando in forma;

abbandonate i libri

e le cyclette: andate a respirare un po’ di storia. Non vi preoccupate, nessuno vi prenderà per pazzi: nelle grandi città hanno tutti fretta.


Fatal error: Allowed memory size of 134217728 bytes exhausted (tried to allocate 72 bytes) in /var/www/talentjob.it/html/wp-includes/cache.php on line 674